Published On: lun, Ott 15th, 2012

Creazione dei personaggi

creazione_dei_personaggi

scrivere

Il linguaggio è certamente la componente più importante nella stesura di un romanzo, da questo ne deriva la sua leggibilità e credibilità. Non è sempre facile decidere quale stile linguistico utilizzare, soprattutto quando bisogna adattarlo ad un ambiente, ad un periodo storico e ad certo genere di personaggi.

La terminologia è utile per rendere vivo il romanzo, figurando i loro pensieri, le loro battute e le loro azioni in modo riconducibile alla realtà del lettore. Le descrizioni dei profili e dei caratteri modificano evidentemente il genere di narrazione, basti pensare alla differenza tra un personaggio di un racconto rosa ed uno fantasy.

Talvolta si può optare per creare una discrepanza tra le azioni straordinarie riportate nella storia e la persona protagonista che incarna la normalità ed un profilo assolutamente comune.

Le grandi capacità di un personaggio evidenziano la presenza di un’altra figura, spesso contrapposta, che investe i panni di antagonista dell’eroe.

I personaggi secondari sono necessari, in quanto è proprio grazie a questi che sussiste l’esistenza del protagonista. Un esempio emblematico di questo sta ne I Promessi Sposi, dove il ruolo di Don Abbondio è fondamentale nel proseguo della storia tra Renzo e Lucia. L’equilibrio che si instaura tra i profili dell’azione è fondante per il successo e la buona riuscita di un romanzo.

Per creare un personaggio può essere utile immaginare delle vere e proprie biografie riconducibili a profili ben delineati di personaggi. Queste linee guida risultano dei punti di partenza per elaborare delle personalità uniche che, allo stesso tempo, possono essere introdotte in dialoghi comuni e di facile comprensione.

Di seguito presentiamo alcune regole per scrivere una biografia.  La componente estetica, con eventuali segni particolari, del personaggio è più che mai importante per permettere al lettore di immaginare un aspetto fisico definito ed un modo di fare immaginabile.

E’ necessario specificare i dati anagrafici della persona in questione. Inoltre evidenziare i tratti psicologici permette di comprendere profondamente le tendenze, i comportamenti ed il carattere tipico del personaggio. Insieme a questi elementi bisogna specificare l’estrazione sociale dell’individuo, facendo riferimento al livello culturale ed educativo che gli appartiene, soffermandosi sul sulla sua storia, citando esperienze, incontri e vicende che hanno influenzato la sua vita.

L’autore, visualizzando questi elementi, troverà sicuramente più semplice l’identificazione del proprio personaggio, trovando anche la dimensione adatta in cui inserirlo e svolgendo attorno a questa l’ambientazione e la vicenda che sorreggono il suo agire.

I personaggi più importanti riceveranno una descrizione più attenta e accurata mentre quelli secondari potranno essere anche solo accennati nella trama. Ogni figura rappresenta una persona, un modo di essere e di apparire e, non di meno, un messaggio che si vuole fare arrivare al pubblico, per questo motivo è fondamentale che non vengano descritti una miriade di profili, bensì ne possono bastare pochi ma ben raccontati. In caso contrario si rischierebbe di rendere noiosa la narrazione, divagando con descrizioni poco utili alla comunicazione del concetto.

La biografia deve essere utile all’autore soprattutto, infatti talvolta può anche non apparire nello svolgimento della narrazione. I punti definiti in questa lista devono figurarsi come i punti di sospinta del personaggio, che grazie a determinate caratteristiche decide, o meno, di proseguire il suo percorso.

L’autore deve cercare il massimo livello di credibilità e leggibilità, egli deve introdurre attenzione e curiosità e mai cadere nella banalità. Il personaggio scontato non piace a nessuno, basti pensare alla tipica segretaria occhialuta o il marito stanco che arriva a casa la sera e si mette davanti al televisore.

Lo stereotipo non porta nessuna novità, anzi rovina l’unicità di un romanzo. La costruzione delle sezioni di un racconto vanno attentamente studiate e progettate, nulla può essere incluso a caso ma ogni pezzo dovrebbe essere inserito in un percorso crescente.

I vari profili che recitano nella scena è necessario siano ben differenziati, anche se, non per questo, esageratamente dettagliati. Essi, infatti, hanno bisogno di un libero spazio d’azione, che in fondo è quello dedicato all’immaginazione del lettore.

Per concludere il linguaggio occupa una parte importante, nonché essenziale, in quanto può da solo definire lo status della stessa persona descritta, in questo caso se pensiamo a personaggi che vivono in luoghi malfamati e criminali ci riferiremo ad un modo di relazionarsi e parlare ben diverso a quello utilizzato in un ambiente colto, popolato da luminari

Il lavoro per creare un romanzo di elevato livello stilistico è articolato e non di facile sviluppo, per questo l’autore, oltre a darsi tempo, deve essere paziente nella strutturazione settoriale del racconto. Solo in questo modo avrà lo spazio per creare qualcosa di credibile, unico e veramente stimolante.

Invia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

Copyright © 2012-2013 Tutti i diritti riservati - info@scrivere.net